Deutsch English Italiano

Il Mondo come Labirinto – Gustav René Hocke e la Tradizione del Fantastico

Gustav René Hocke

Il Biografo del Grottesco

Hocke è nato a Bruxelles nel marzo 1908, figlio del commerciante tedesco Josef Hocke e di Anna de Nèves, figlia di un pittore belga. Mentre fuori infuriava la Prima Guerra Mondiale, il bambino passava il suo tempo nell’atelier inondato di luce del nonno materno, francese di nascita: Gustave De Nèves. Fu lui a far conoscere al giovane nipote il mondo dell’arte.
Ma ad undici anni, per il ragazzo i tempi del benessere e della vita borghese ebbero fine: dopo la Prima Guerra Mondiale la famiglia di un cittadino tedesco non era più gradita a Bruxelles e fu quindi espulsa. Anna si trasferì con i due figli a Viersen, piccolo centro della Renania. Nelle sue memorie Hocke descrive in modo alquanto vivo quel grottesco viaggio in treno, in mezzo ad invalidi di guerra, sfollati, feriti e cadaveri, attraverso un’Europa che appariva divisa da trincee invalicabili.